Storia del male ( Renzi / Guglielmi / Mirigliano)

E fù poco a poco
che nacque l’orgoglio
la voglia di avere
le cose degli altri.

Finché venne il giorno
che un uomo ad un altro
le terre rubando
gli tolse la vita

Ci fù chi era ricco e chi nulla aveva
nasceva l’invidia del proprio fratello.
Morirono i fiori fiorirono ordigni
coi quali si fece di popoli strage.

La guerra chimica, seguì l'atomica
le acque con l'aria per sempre inquinando
milioni di piccoli, e grossi animali
con alberi e cose, distrutti dall’odio
e un bimbo bevendo, dell'acqua di un fiume
perdette per sempre, il corpo innocente

Restò la sua voce per dire alle genti
la fine di tutto parlò come Dio
avete turbato, la vostra armonia
togliendo equilibrio a ciò che ho creato

Al corpo soltanto, avete pensato
usando la mente per fare del male.
Così ve lo tolgo, vi lascio la voce
perché in altri mondi parliate per me.

Chiudi questa finestra