Ancora ( Edoardo de Crescenzo )

È notte alta e sono sveglio
sei sempre tu il mio chiodo fisso
insieme a te ci stavo meglio
e più ti penso e piuù ti voglio

Tutto il casino fatto per averti
per questo amore che era un frutto acerbo
e adesso che ti voglio bene... io ti perdo

Ancora... ancora... ancora
perché io da quella sera
non ho fatto più l'amore senza te
e non me ne frega niente senza te

Anche se incontrassi un angelo direi
non mi fai volare in alto quanto lei.

È notte alta e sono sveglio
e mi rivesto e mi rispoglio
mi fa smaniare questa voglia
che prima o poi farò lo sbaglio.

Di fare il pazzo e venir sotto casa
tirare sassi alla finestra accesa
prendere a calci quella porta che tu hai chiuso(1).

Ancora... ancora... ancora...
perché io da quella sera
non ho fatto più l'maore senza te
e non me ne frega niente senza te

Anche se incontrassi un angelo direi
non mifai volare in alto quanto lei.

(1) Piccola licenza di Guido Renzi: qui il testo originale diceva "chiusa chiusa" invece di "che tu hai chiuso"

Chiudi questa finestra