Tanto pe' cantà ( Ettore Petrolini; Nino Manfredi )

[parlato] è na canzone senza titolo, tanto pe cantà, pe fa quarcheccosa
nun è gnente de straordinario, è robba der paese nostro
che se pò cantà pure senza voce....basta a salute...
quanno c 'è a salute c'è tutto
basta a salute e un par de scarpe nove
e poi girà tutto er monno... e m'accompagno da me....

Pe fa la vita meno amara
me so comprato na chitara
e quanno er sole scenne e more
me sento un core cantatore.

La voce è poca ma 'ntonata
non sertve a fa 'na serenata
ma solamente a fa 'n maniera
de famme 'n sogno a prima sera.

Tanto pe cantà, perché me sento 'n friccico ner core
tanto pe sognà, perché ner petto me ce nasca 'n fiore
fiore de lillà, che mù'ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie
e m'arintontoniva de bucie.

Canzoni belle e appassionate
che Roma mia me ricordate
cantate solo pe dispetto
ma co na smania drento ar petto

Io non ve canto a voce piena
ma tutta l'anima è serena
e quanno er cielo se scolora
de me nessuna se 'nnamora.

Tanto pe cantà, perché me sento 'n friccico ner core
tanto pe sognà, perché ner petto me ce nasca 'n fiore
fiore de lillà, che mù'ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie
e m'arintontoniva de bucie.

[Idem]

Chiudi questa finestra