Reginella ( Libero Bovio / Gaetano Lama )

Te si fatte na vesta scullata
nu cappiello co e nastre e co e rose
stivi miezzo a tre o quatrro sciantose
e parlavi france accussi'

Fui l'autriere che t'aggio' ncuntrata
fui l'autriere a tuledo gnorsi'

T'aggio voluto bene a te
tu m'è voluto bene a me
mo nun c'amammo cchiù, ma a vote tu...
distrattemente parle e me.

Reginè quanno stive cummico
nun magnave che pane e cerase
nuie campavamo de vase e che vase
tu cantave e chiagneve pe me.

E o cardillo cantava cuttico
reginella o vo bene a stu re.

T'aggio voluti bene a te
tu m'è voluto bene a me
mo nun c'amammo cchiù, ma a vote tu...
distrattemente parle e me.

Di cardillo a chi spietti 'stasera
nun no vide, aggio aperto a caiola
reginella è volata e tu vola
vola e canta nun chiagnere accà.

T'è e truva na padrona sincera
ca è cchiù degnas e sentirte cantà.

T'aggio voluti bene a te
tu m'è voluto bene a me
mo nun c'amammo cchiù, ma a vote tu...
distrattemente parle e me.

Chiudi questa finestra