La nostra storia ( Renzi / Guglielmi / Mirigliano )

E cosi' ci sei davvero
   (non mi sembra vero sai)
quando ormai non ti aspettavo
   (ma lo so che mi capisci)
proprio come ti ho inventata
   (non credevo che esistessi)
giorno a giorno mese a mese
   (ti ho cercata tanto tempo)
fino al punto di pensare
   (che oramai non ti aspettavo)
che volevo chi non c'era
   (e pensavo non ci fossi).

Da principio ti vedevo
   (mi ricordo da ragazzo)
come ti voleva il corpo
   (ti vedevo con il sesso)
e la notte non dormivo
   (certo un pò confusamente)
rigirandomi nel letto
   (anche se pensavo molto)
e ti immaginavo nuda
   (non bastava a completarmi)
fino a che sfinivo i sensi.

Ti ho cercata in un amico
nello sguardi di mia madre
nel sorriso di un bambino
nel piacere di pensare

Poi ti ho avuta in tante donne
tante quante delusioni
tutte senza niente sotto
ma anche senza niente dentro.

La mediocrità di tutti
   (le parole dette al vento)
la certezza di sapere    (sempre a chi non mi capiva)
che ascoltavo chi parlava    (e restavo ancora solo)
pur pensando ad altre cose
   (senza mai sentirne il peso)
mi facevano pensare
   (è normale mi dicevo)
che era inutile cercarti
   (fino a che non ti ho incontrata).

Poi la voglia di una sguardo    (che cresceva giorno a giorno)
la risposta ad un silenzio
   (l'emozione di capire)
il piacere di parlare
   (che eravamo proprio uguali)
e la gioia di ascoltare    (come mai nel mio passato)
e la voglia dentro agli occhi
   (come se toccassi sempre)
come per la prima volta
   (una pelle mai toccata).

E cosi' per giorni e giorni
sempre come il primo giorno
mai, neppure nel pensiero
né un contrasto né la noia

quello che mi fa soffire
è il pensiero di sapere
che qualcuno possa dire
questa è proprio la mia storia.

io li guarderò negli occhi
loro guarderanno i miei
forse riderò deluso
ma chi vuoi che capirebbe.....

Chiudi questa finestra